Printed From:

 

Stress

 

Grazie a recenti studi scientifici, si è evidenziato come tra intestino e cervello esista una stretta connessione. L’intestino è dotato di una fittissima rete di neuroni collegati al cervello tramite il sistema nervoso vegetativo.

Le cellule nervose che si trovano nella parete intestinale sono così numerose che non è un caso se l’intestino è definito come un secondo cervello in grado di processare informazioni e reagire in modo autonomo agli stimoli dell’ambiente circostante. Le emozioni negative e l’eccesso di sollecitazioni di una vita stressante, vengono percepite anche dalla pancia, provocando possibili alterazioni della motilità intestinale. Uno dei primi bersagli ad essere coinvolti nella reazione autonoma dell’intestino allo stress è infatti proprio la flora intestinale, con conseguenze negative sul corretto funzionamento dell’intestino e dell’organismo.

In queste circostanze può dimostrarsi utile l’assunzione di probiotici, microorganismi benefici in grado di ripristinare la flora batterica intestinale, e ovviamente cercare di avere uno stile di vita senza stress.

 

 

CONSIGLI UTILI

L’attività fisica, utile anche al rilascio di endorfine utili al buonumore, è una panacea per il benessere dell’organismo, e  aiuta a sciogliere anche quelle tensioni psicologiche che sono spesso accompagnate da disturbi intestinali, quando non ne sono addirittura la causa.

Le informazioni contenute in questa pagina sono da intendersi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun caso assistenza o consiglio medico